«If you don’t have time to read, you don’t have
the time (or the tools) to write*». p.167

Letto in: Stephen King, “On writing: a memoir of the craft”, Hodder, London, 2012.

[Pubblicato per la prima volta nel 2000, 354 pp].

In estrema sintesi:
★★★★★

Credi che “ne uccida più la penna della spada”? Ecco due consigli per te:

  • ascolta “Cirano” di Francesco Guccini
  • leggi “On writing” di Stephen King.

Si tratta di un saggio che racconta
come S.K. abbia trovato il suo “mestiere” e che procede con il fornire
consigli, strumenti e moniti a chiunque si proponga di fare lo stesso.  A corto di libri da leggere? Questo testo
contiene anche una serie di riferimenti ad altre opere che potreste voler scoprire.
Lontano dalla scrivania? Questo libro è quel che vi servirà per fare quel passo
fino alla tastiera/penna e a scrivere – o a continuare a leggere –.

Indicazioni varie:
  1. Vi sono alcuni richiami alle sue opere pre-2000, ma trovo che tutto il testo sia godibile
    anche da chi non ne abbia letta nessuna.
  2. Letto in inglese, lo consiglio a chi sia almeno in possesso del cosiddetto “livello intermedio”.
  3. Ottimo per chi sia abituato a collezionare appunti, riferimenti e citazioni.
  4. In apertura al post troverete la citazione che ho preferito.
  5. In italiano è pubblicato come “On writing: autobiografia di un mestiere”.
  6. Uno dei libri più belli letti insieme al #CdCclub.
  7. Le edizioni post-2010 contengono un elenco aggiuntivo di libri consigliati dall’autore.

*In italiano: «Se non hai tempo per leggere, non hai il tempo (né gli strumenti) per scrivere».

On Writing: A Memoir Of The Craft

Scrivimi la tua!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: