Skip to content →

Tag: recensione

Tre tazze di Tè, un batsegnale dalle vette del Karakorum

Dopo aver letto Tre tazze di Tè mi sono trovata a leggere delle critiche al riguardo che ho trovato non solo inutili, ma anche piuttosto offensive. Quelle che seguono sono le righe che ho dedicato a questo volume su Goodreads, spero possano offrirvi un’idea chiara di quale sia la mia posizione al riguardo. Buona lettura!

image

Letto in: Mortenson – Relin, “Tre tazze di tè”, Rizzoli, Milano, 2009.

[Pubblicato per la prima volta nel: 2006, 500pp].

In estrema sintesi: ★★★★★
Leave a Comment

Oceano Mare, un acquerello di Alessandro Baricco

Oceano mare by Alessandro Baricco

Oceano mare

My rating:2 of 5 stars

Poche ore per leggerlo, svariate ore per elaborare un parere sensato. Afferrare l’Oceano é impossibie, é un regno di castelli di sabbia e di ciottoli senza fissa dimora; coglierne i riflessi e gli echi lontani é un’operazione lodabile, ma “Oceano Mare” é un acquerello troppo diluito e non presenta le stesse abili pennellate di cui Baricco si é dimostrato essere capace. È un ritratto abbandonato nel tempo, dove l’esercizio di stile é piú importante del soggetto che rimarrá impresso sulla tela. Ogni personaggio ti lascia qualcosa di diverso in relazione al mare, un gradevole esercizio di stile, ma é solo una “prova generale” rispetto al tipo di spettacolo che questo scrittore offre ai suoi lettori.

View all my reviews

Leave a Comment

Saluti da Bon temps [No Spoiler]

image

[Art di riogirl9909]

True Blood

L’episodio 10 della 7° stagione ha segnato il finale di serie di True Blood della HBO e io ho qui alcune considerazioni di riepilogo e commiato a questa serie che mi ha fatto compagnia per alcuni anni.

Ricordate quando scrivevo come Damon fosse il motivo per cui continuavo a guardare The Vampire Diaries? Beh, Eric Northman è stato il motivo per cui ho letto i primi 11 libri del ciclo di Sookie Stackhouse in meno di una settimana, ma altrettanto non posso dire per la serie televisiva.

Leave a Comment

Wolverine e gli X-men, il ciclo di Jason Aaron

Buongiorno miei affezionatissimi,

dopo un po’ d’attesa eccomi con una recensione riguardante il mondo dei fumetti, spero vi possa essere utile!

 

Wolverine e gli X-men 26 Panini Comics

Copertina del numero 26

Recensione alla luce dei volumi 1-27 di Wolverine e gli X-Men, Panini Comics

Questa testata è la mia finestra sul mondo Marvel, non seguo più le altre testate se non sporadicamente, è molto più facile che io acquisti qualche albo auto-conclusivo. Ho scelto questa un paio di anni fa ormai, più o meno con l’avvento di “Marvel Now!” di cui vi facevo cenno in qualche vecchio post (per farvela breve si è trattato di un finto reboot in modo da far ripartire i fumetti dal numero 1, come se si fosse ritornati alle origini, in realtà nella maggior parte dei casi si sono limitati a stampare un numero uno sulla copertina e a riprendere la numerazione da lì).
Un po’ come per la rubrica MARVEL per babbani  insieme alle mie opinioni su questo arco narrativo vediamo in cosa consiste questa testata e perchè ho scelto proprio questa.
L’indecisione era tra:

  • Devil e i cavalieri marvel
  • Thor
  • Una qualsiasi testata degli X-Men
  • Wolverine

Devil è sempre stato uno dei miei personaggi Marvel preferiti e la nuova testata Devil e i cavalieri Marvel che prevedeva il Punitore e Ghostrider a fianco del diavolo cieco di Hell’s Kitchen prometteva bene anche prima che l’Eisner Award* lo confermasse. Thor in genere resta estraneo alle vicende di molte altre testate e quindi oltre ad essere un dio vichingo è anche più semplice da seguire; ha il grande pregio di non ospitare Spiderman ad Asgard per dire. Il lettering poi è sempre stato un punto a suo favore.

 

image

Per farvi capire meglio eccovi un esempio, vedete?Gli Asgardiani “parlano” con un font diverso rispetto ai mortali.

image

Variant Cover del #1 by Scottie Young

Infine gli X-Men allora e tutt’ora divisi in diverse testate più o meno coinvolgenti, rappresentavano le ultime testate che avrei potuto seguire; il discriminante è avvenuto con l’evento Scisma e con le scelte discutibili di Ciclope,

“Cyclops was right” un-paio-di-palle. Wolverine da solo per la giungla lo trovavo un po’ sottotono rispetto al Wolverine alle prese con i suoi compagni più civilizzati da qui la mia scelta: Wolverine e gli X-Men dove non c’è spazio per Summers, ma trovano spazio Bestia e Tempesta con il coinvolgimento delle belle storie dedicate alla X-Force, insomma:un vero jackpot. Per di più si trattava di una testata relativamente nuova quindi anche in libreria avrebbe avuto più senso avere numeri a 2 cifre piuttosto che partire da un numero 250, ecco.

Nonostante gli autori non siano sempre gli stessi (come nel caso di qualsiasi testata Marvel) Wolverine e gli X-men si distingue dal resto per un elemento: il suo technicolor fatto di crack. I colori di questi spillati sono pazzeschi e insieme ai continui viaggi spazio-temporali rendono l’intera testata simile al trip di JB (Jack Black) in Tenacious D, sì quello con il Sasquatch e i funghetti. Vi lascio il video preso da Youtube nel caso che non abbiate presente cosa intendo.

Leave a Comment

Gemelli per caso #1 – il Risveglio vs il Bacio di mezzanotte

image

Buongiorno lettori,
oggi voglio parlarvi di alcune delle mie recenti letture, in calce una breve parentesi.

Bene, siamo finalmente giunti all’argomento di oggi ossia l’involontario scontro tra due libri che ho letto recentemente e che hanno, di fatto, una trama davvero simile:  sono i primi libri di 2 saghe:

la “Confraternita del pugnale nero
e
la ”Stirpe di mezzanotte”.

Io li ho letti consecutivamente nell’ordine in cui ve li ho presentati. Qui vi propongo 2 dei miei ermetici riassunti per i quali ormai sono famosa tra i miei amici:

Il risveglio di J.r. ward

Il Risveglio:

  1. Lui è un vampiro, lei lo sarà
  2. Loro fanno sesso
  3. -Loro sono i miei confratelli-
  4. -Usiamo le stelle ninja e i pugnali neri perchè fa fico-
  5. Loro combattono
  6. -Lei è mia-
  7. Gente che muore
  8. Zadist
  9. Scontro finale
  10. Fine

Elemento davvero originale: Lui è ipovedente.

 

Il bacio della mezzanotte di Lara Adrian

Il bacio di mezzanotte:

  1. Lei è una Compagna della stirpe, lui è uno dei gen-uno.
  2. Loro fanno sesso
  3. Loro si innamorano ma non lo ammettono
  4. La sete rossa
  5. Loro combattono
  6. Gente che muore
  7. Battaglia finale
  8. -Ti amo-
  9. Fine

Elemento davvero originale: lei si svena per rilassarsi

(ovviamente c’è un perchè e la cosa è contestualizzata, ma mi diverte vederla banalmente così).

Sì, i miei riassunti sono brutali, ma è l’unico modo che conosco per non togliervi il piacere della letture del libro che ho letto senza dirvi troppo o troppo poco. Se vi sembrano inutili ditemelo che li salterò direttamente.

Orbene veniamo al punto, ma perchè ve ne ho parlato insieme?

Leave a Comment