Skip to content →

Tag: v per vendetta

Il 5 Novembre, giorno fortunato per il fumetto.

Buonasera miei affezionatissimi,

oggi scriverò del:

5 Novembre

«Remember, remember the Fifth of November,
Gunpowder Treason and Plot,
I see of no reason
Why Gunpowder Treason
Should ever be forgot.
Guy Fawkes, Guy Fawkes, t’was his intent
To blow up King and Parliament.
Three-score barrels of powder below
To prove old England’s overthrow;
By God’s providence he was catch’d
With a dark lantern and burning match.
Holloa boys, holloa boys, let the bells ring.
Holloa boys, holloa boys, God save the King!»

Qualsiasi bambino inglese potrebbe recitarvela, ma perchè è così nota anche qui, dove nessun Giacomo I deve temere per la propria vita e soprattutto: perchè la inserisco ad introduzione di questo post?

Perchè in questo 5 Novembre vi parlerò brevemente del fumetto che ridona lustro a un fatto storico accaduto in questo stesso giorno nel lontano 1605.

Cosa si festeggia?

Il motivo per cui il 5 Novembre si fa festa in Inghilterra – e nelle sue ex colonie, in particolare in Nuova Zelanda mi par di capire – è che si festeggia una strage mancata, un blitz poliziesco degno di Squadra Speciale Cobra 11, solo senza il botto…appunto.

image

Come viene festeggiato?

Con fuochi d’artificio, falò e strane bambole di pezza ehm…evocative.

Cosa accadde in quel 5 Novembre del 1605?

Guy Fawkes, militare appartenente ad un gruppo cattolico ostile al regnante scozzese, viene sorpreso in possesso di:

  • un orologio
  • un innesco
  • e qualcosa come 36 barili di polvere da sparo

il tutto in una cantina affittata appositamente sotto il parlamento inglese.

A colui che attenta alla vita del re – e alla relativa aristocrazia – vengono inflitti giorni di svariate torture che permettono al re di ottenere i nomi di tutti i congiurati. Inutile dire che furono tutti giustiziati, la parte più interessante forse è notare che furono impiccati, squartati e poi decapitati…giusto in caso qualcuno volesse vampirizzarli – dico io -.

Ed eccoci ai fumetti,

Guy Fawkes era un ometto in calzamaglia, con un look quasi Shakesperiano che è stato stilizzato burlescamente in una maschera che potreste aver già visto:

image

nota ai più non come il viso distorto di un rivoluzionario, ma come il volto di un personaggio letterario, protagonista del celeberrimo lavoro di Alan Moore e David Lloyd V for Vendetta, Vertigo, 1982-1985 (tradotto V per Vendetta)

trasposto poi sul grande schermo nel 2005 da James McTeigue e interpretato dall’acerrimo nemico del “Signor Anderson”- è il mio modo per non spoilerarvi del tutto chi sia l’effettivo interprete di V, googlate googlate -.

Ma chi è V?
2 Comments